Tecnologia e impianti brevettati per fabbricare il BRETONTERASTONE® LASTRE

Lastre (e mattonelle) sottili, monostrato, di pietra composita fabbricate con aggregati naturali calcarei e/o silicei legati con cemento Portland

Gli impianti Bretonterastone® Lastre fabbricano direttamente lastre e mattonelle sottili e monostrato con la tecnologia della compattazione per “vibrazione sottovuoto” di impasti formati da aggregati lapidei, cariche minerali sottili e legante inorganico.
Le lastre hanno dimensione massime di 68x153 cm, con spessore finito che può variare da 15 a 35 mm.
Le mattonelle hanno dimensione di 30x30 cm, 40x40cm, 40x60cm, oppure 60x60 cm, con spessore finito che può variare a seconda della dimensione da 9,5 a 30 mm.
Le lastre possono essere vendute come tali oppure anche trasformate in prodotti finiti.
I materiali lapidei costituiscono fino al 76% del peso del prodotto finito, e possono essere di natura silicea (quarzo, quarzite, granito, porfidi, sabbia, ecc.), oppure calcarea (marmo, pietre calcaree, dolomie, ecc.) con dimensioni che possono arrivare fino a 10-12 mm.
Il legante utilizzato è cemento Portland (legante idraulico inorganico), normalmente di classe I, miscelato con acqua in rapporto acqua/cemento normalmente non superiore allo 0.30, e con l’aggiunta di normali fluidificanti comunemente utilizzati nel settore degli impasti cementizi.
Con gli impianti Bretonterastone® è possibile fabbricare i prodotti “P.M.C” (“Polymer Modifed Concrete”) aggiungendo semplicemente agli impasti dei polimeri di utilizzo comune, quali resine o lattici polimerici (per esempio, lattice acrilico), che enfatizzano le caratteristiche tecniche del prodotto finito.
La capacità produttiva, a seconda del modello e composizione di impianto, varia da 520 mq a 2.700 mq al giorno lavorativo.

RISPETTO AMBIENTALE

Il Bretonterastone® è fabbricato con componenti naturali quali gli aggregati lapidei ottenuti dalla frantumazione del materiale di risulta delle cave di marmi, graniti, quarzi e quarziti; le sabbie silicee, l’acqua, il cemento, i coloranti e gli additivi di usuale impiego negli impasti cementizi. Con la tecnologia e gli impianti Bretonterastone® si possono fabbricare ecoprodotti per l’edilizia sfruttando le attività fotocatalitiche di alcune materie prime. I residui della lavorazione del Bretonterastone® non inquinano.

TECNOLOGIA VINCENTE

Le caratteristiche eccezionali del Bretonterastone® sono dovute alla tecnologia e al processo di fabbricazione

L'omogeneità dell'impasto
- Nel corso della fabbricazione dei prodotti Bretonterastone® rimane costante la composizione dell’impasto ed il rapporto acqua/cemento. Gli impasti sono sempre densi e omogenei. In questo modo si evitano le porosità e le disomogeneità tipiche dei prodotti fabbricati levando dall’impasto l’acqua in eccesso.

Il basso rapporto acqua/cemento
- Negli impasti Bretonterastone® si usano bassi rapporti acqua/ cemento normalmente non superiori allo 0,30.
- La pasta indurita è densa, omogenea, compatta e resistente, perfettamente legata alle particelle dell’aggregato.

L'azione del vuoto
- Bretonterastone® viene fabbricato “sottovuoto”. Il vuoto disarea l’impasto, lo rende compatto e favorisce la perfetta adesione della pasta agli aggregati lapidei.

La compattazione per vibrazione sottosuolo
- La vibrazione sottovuoto del Bretonterastone® provoca l’ottimale assestamento fra di loro delle particelle di aggregato lapideo il quale raggiunge nella massa, uniformemente compattata, una concentrazione anche superiore al 72%.

La grande quantità di pietra
- La grande quantità di pietra conferisce al Bretonterastone® un aspetto pieno, continuo, naturale e pregevole. Ne determina inoltre la grande resistenza all’abrasione e le altre caratteristiche fisico – meccaniche.

La stagionatura del prodotto
- Bretonterastone® viene formato in stampi sovrapponibili ad incastro. La sovrapposizione degli stampi crea, fra l’uno e l’altro, una camera chiusa satura di umidità, nella quale, in un tempo di 24 ore circa, avviene la presa e il primo indurimento dell’impasto. L’indurimento del prodotto nel suo stesso stampo di formatura ne evita la manipolazione a fresco e le conseguenti cricche e rotture.

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE

Impianto di mescolazione
Si preparano gli impasti mescolando opportunamente fra di loro il cemento, l’acqua, gli aggregati lapidei, il fluidificante ed i coloranti. Gli aggregati possono essere granulati di marmo, di granito, di quarzo o di altre pietre, nelle granulometrie più adatte per ottenere il prodotto desiderato.

Riempimento degli stampi
L’impasto passa dalla mescolatrice all’apparecchio dosatore-distributore, che riempie gli stampi di formatura.

Finiture e imballaggio
Il prodotto grezzo passa alla linea di lavorazione dove le mattonelle e/o lastre vengono calibrate, levigate, lucidate sul piano, finite sulla costa e sul bisello e infine asciugate ed eventualmente cerate. Tutte le lavorazioni avvengono in continuo. La linea di lavorazione può essere equipaggiata per dare alla superficie dei prodotti aspetti diversi dal levigato o lucidato, e cioè bocciardato, sabbiato, anticato, graffiato, ecc.

Magazzino di stoccaggio del prodotto
Le mattonelle e/o lastre indurite che non vengono processate subito sulla linea di finitura, vengono stoccate nel magazzino del prodotto grezzo.

Presa e indurimento
Gli stampi contenenti le mattonelle e/o lastre compattate vengono impilati ad incastro e le pile vengono trasferite in un locale mantenuto a temperatura compresa tra 25 e 30°C, dove avviene la presa ed il primo indurimento del prodotto.

Compattazione per vibrazione sottovuoto
Gli stampi riempiti passano nelle macchine di compattazione per vibrazione sottovuoto, dove avviene la formatura delle mattonelle e/o delle lastre.

LA COSTANZA NELLA QUALITÀ

- Il sistema Bretonterastone® è un processo di fabbricazione nel quale tutto è finalizzato all’ottenimento di prodotti caratterizzati da qualità eccellente e costante. Il processo Bretonterastone® esclude ogni casualità nei risultati. I prodotti Bretonterastone® nella loro infinita gamma si possono progettare e fabbricare con la certezza di ottenere sempre caratteristiche di qualità eccellente.

UN PRODOTTO PER MILLE APPLICAZIONI

Con tutti gli impianti Bretonterastone®, si possono ottenere:
- mattonelle con dimensioni: 30x30x1,2 cm, 40x40x1,5 cm, 40x60x1,8 cm e 60x60x2 cm
- mattonelle PMC con dimensioni: cm 30x30x0,95 cm, 40x40x0,95 cm, 40x60x1,2 cm e 60x60x1,5 cm
- mattonelle autoportanti per pavimenti sopraelevati, con dimensioni 60x60x3 cm
- mattonelle intarsiate con dimensioni: 30x30x1,2 cm, 40x40x1,5 cm, 40x60x1,8 cm e 60x60x2 cm
- mattonelle da esterni a grosso spessore (anche a doppio strato superiore nobile e inferiore economico)
- lastre da cm 68x153 e spessore da cm 2 a cm 3,5 , anche intarsiate, da cui ricavare: scale, davanzali, stipiti, pannelli per rivestimenti interni ed esterni, piani per bagno e cucina e molti altri manufatti per l’edilizia e l’arredamento.

Condividi questo link

Hai trovato utili le informazioni di questa pagina?

Ti ringraziamo per il tuo supporto a migliorare i nostri servizi

Si è verificato un errore temporaneo, riprovare.