Le acquisizioni nel settore della pietra composita

Dettagli
Date:
26 Maggio, 2021
Il settore della pietra composita è stato caratterizzato da molte acquisizioni negli ultimi anni: è un segnale positivo o negativo?
È UN SEGNALE POSITIVO O NEGATIVO?
Spesso le acquisizioni societarie vengono erroneamente interpretate da chi le analizza dall’esterno come una situazione di malessere di un settore specifico in quanto si ritiene siano causate da difficoltà economiche/finanziarie delle società in vendita che operano in quel settore che, di conseguenza, si crede sia in qualche modo in crisi o per lo meno non certo in crescita.

In certi casi, invece, non è così.

Questo è proprio il caso dell’Industria dell’Engineered Stone, il materiale più noto ed utilizzato al mondo per la produzione dei piani da cucina o da lavoro, che negli ultimi anni ha visto protagoniste delle importanti acquisizioni:

 
  • nel dicembre 2015 la Brasiliana Guidoni Group ha acquisito la Seaquarz in Spagna
  • nel dicembre 2018 la Koreana Hyundai Department Store Group ha acquisito la Hanwha L&C con stabilimenti produttivi in South Korea e Canada
  • nel gennaio 2019 la Koreana Lotte Advanced Material ha acquisito la maggioranza della Belenco in Turchia
  • nell’agosto 2019 la statunitense Wilsonart Engineered Surface ha acquisito la Technistone in Repubblica Ceca
CHI SONO LE AZIENDE CHE HANNO INVESTITO?
Tutte queste quattro acquisizioni sono state portate avanti da grandi aziende già presenti nel settore dei piani da cucina che hanno consapevolmente deciso di acquisire aziende nella medesima industria. La maggioranza di queste aziende, al momento della loro acquisizione, erano in piena espansione e con bilanci molto positivi.

Le ragioni alla base della cessione sono molteplici, ma si possono ricondurre a delle situazioni in cui la proprietà e/o il Management ritenevano che il business fosse diventato eccessivamente impegnativo per garantire una crescita e uno sviluppo adeguati all’azienda. 

Le grandi aziende che hanno creduto e investito nell’industria dell’Engineered Stone sono dei colossi nel mondo dei piani in quarzo-resina per la cucina e l’arredo in genere.


 
COME MAI QUESTI GRANDI GRUPPI HANNO DECISO DI ACQUISIRE?
  • Guidoni Group: è il più grande esportatore di pietra naturale in Brasile e uno dei più grandi al mondo. Il know-how acquisito dal processo industriale è culminato nella creazione di Topzstone, marchio esclusivo di superfici in quarzo.
Quando Guidoni Group acquisisce Seaquarz - ditta spagnola che produceva lastre di quarzo-resina con un impianto Breton – ha già due impianti in Brasile per la produzione di lastre di quarzo-resina, forniti da un produttore Cinese.
Poco dopo aver acquisito Seaquarz, nel 2018, Guidoni Group investe in un secondo impianto Breton da installare nello stessso stabilimento in Spagna. Nel 2020, decide poi di investire in un ulteriore impianto Breton per la produzione di lastre super-jumbo da installare in Georgia (Stati Uniti).

 
  • Hyundai Department Store Group: è un importante conglomerato sudcoreano che opera nella vendita al dettaglio, produzione e servizi. Hanwa L&C (oggi Hyundai L&C) era un produttore e distributore leader di materiali da costruzione ad alta qualità. L'acquisizione ha portato a un ulteriore posizionamento di Hyundai L&C come leader globale nel settore dei prodotti per interni, diventando una società di cultura degli interni total living.
Nel 2018, quando è stata acquisita Hyundai L&C, produceva lastre di quarzo-resina con due impianti Bretonstone, uno in Corea del Sud e uno in Canada. Appena un anno dopo l’acquisizione, Hyundai ha investito in un terzo stabilimento di Bretonstone e lo ha installato in Canada, mentre nel 2021 ha investito in un altro impianto di Bretonstone da installare in Corea del Sud.
 
  • Lotte Advanced Material: è una filiale dell'azienda sudcoreana Lotte Chemical. Producono materiali plastici e materiali da costruzione all'avanguardia: superfici solide, superfici in quarzo e in porcellana.
Per la produzione di lastre di quarzo-resina si avvalevano di un impianto cinese installato in South Korea in cui Breton aveva già sostituito la maggior parte delle attrezzature per il processo di formatura delle lastre.
Nel 2019 Lotte acquisisce Belenco, azienda turca nata nel 2010 con un impianto Bretonstone per la produzione di lastre di quarzo-resina e che aveva investito nel 2016 in un secondo impianto Bretonstone. Al momento della acquisizione, Belenco aveva da poco confermato a Breton l’acquisto di un terzo impianto Bretonstone per la produzione lastre di quarzo-resina – attualmente già avviato.

 
  • Wilsonart Engineered Surface: è un'azienda americana leader mondiale nelle superfici composite. Produce e distribuisce laminati, quarzo, solid surface e altre superfici ingegnerizzate per l'uso nel mondo degli uffici, istruzione, sanità, residenziale, ospitalità e vendita al dettaglio. Quando Wilsonart ha acquisito Technistone, non avevano alcun impianto per la produzione di lastre di resina di quarzo, ma avevano un'enorme rete di distribuzione negli Stati Uniti per vendere questo prodotto.
Technistone è una azienda della Repubblica Ceca, storica produttrice di lastre di quarzo-resina utilizzando due impianti Bretonstone, l’ultimo dei quali avviato nel 2017 e con ambiziosi progetti di espansione per il prossimo futuro.

 
UNA STRATEGIA COMUNE
Per quanto diverse possano sembrare queste acquisizioni ci sono degli aspetti interessanti ed in comune a tutte:
  • Si tratta di grossi gruppi industriali che, consapevolmente, hanno deciso di entrare o di rafforzarsi nel business del Quarzo-Resina, forti della crescita esponenziale che questo settore sta avendo e con il desiderio di diventare leader del settore.
  • Ognuno di questi gruppi ha deciso di acquisire aziende produttrici di lastre di quarzo-resina che si avvalevano esclusivamente della tecnologia e gli impianti Breton.
  • Alcuni di questi (Guidoni e Lotte) erano già inseriti nell’industria del quarzo resina utilizzando degli impianti Cinesi. ed hanno scelto di investire in aziende dotate esclusivamente di impianti Breton.
QUARELLA: UN CASO CONTROCORRENTE
Un altro caso interessante e per certi versi controcorrente è l’acquisizione da parte di una grossa società Cinese operante nel settore della pietra naturale, del marmo-resina e del quarzo-resina di una azienda italiana del settore marmo-resina e quarzo-resina.
L’azienda italiana è la Quarella, uno dei leader mondiali nella produzione di agglomerati di quarzo e marmo, nata oltre 50 anni fa a Verona e che, nel corso degli anni, ha raggiunto una notorietà globale, grazie ad una vasta gamma di prodotti realizzati interamente con impianti Breton. Negli anni 2014-2015 Quarella ha però affrontato significative difficoltà finanziarie dettate presumibilmente dal mancato aggiornamento tecnologico degli impianti negli anni che ne ha quindi fortemente compromesso la possibilità di poter immettere nel mercati i nuovi prodotti che nel corso degli ultimi anni hanno proprio loro  maggiormente contribuito alla forte crescita dei volumi specialmente nei mercati di alta gamma.  
Nel 2015 la gestione di Quarella passa quindi alla newco QRBG srl, creata da una joint venture tra Rykadan Capital Limited e Best Cheer Stone Group (Cina). Nel 2017 infine la QRBG completa il processo di acquisizione di Quarella. 

Il brand Quarella è stato comunque valutato da Best Cheer come fondamentale per poter importare in Cina - suo mercato principale - prodotti di riconosciuta alta qualità e pur essendo una azienda cinese, ha preferito l’acquisizione di una azienda con impianti e tecnologie Breton.

Se a queste osservazioni aggiungiamo che non sono note ad oggi acquisizioni da parte di nessun gruppo importante e con brand riconosciuto a livello internazionale di aziende produttrici di lastre di quarzo-resina con impianti Cinesi, appare evidente come se anche i grossi gruppi industriali abbiano percepito  un futuro sempre più interessante nel business delle lastre di quarzo-resina, questi abbiano deciso di entrare in questo mercato o di aumentare il loro attuale mercato acquisendo però solamente aziende del settore che avessero impianti Breton, evidentemente in quanto ritenute affidabili e di sicuro successo e su cui poter investire senza rischi e imprevisti.

 
L’IMPEGNO DI BRETON
In Breton siamo molto soddisfatti ed orgogliosi di questi esempi e crediamo siano anche la dimostrazione che l’impegno, la determinazione, la serietà e la professionalità paghino sempre.
Breton ha inventato molti anni fa la tecnologia Bretonstone per produrre le lastre di quarzo-resina ed ha sempre continuato ad investire e a lavorare duramente per portare continue innovazioni in questo settore, senza troppo stare a guardare chi cercasse di copiarle. Con i propri impianti Breton ha voluto e continua a voler dare la possibilità ai propri clienti non solo di avere rapidamente successo, ma soprattutto di essere dei leader nel proprio business e quindi essere in grado di poter guidare loro stessi il cambiamento senza essere costretti, come devono fare invece gli altri, a continuare a rincorrerlo.




Giancarlo Crestani

Sales Director 
Engineered Stone Division

Contatti

Contattateci!
Per essere ricontattati da noi, basta compilare il seguente modulo.