Levibreton KLG/SM

Levibreton KLG/SM - Levigatrice a ponte a banco fisso

Per la levigatura e lucidatura delle lastre di marmo o granito in piccoli lotti. La struttura portante robusta della macchina trasla lungo il banco fisso, su cui sono appoggiate le lastre da lucidare, a mezzo di ruote con motorizzazione comandata da inverter. Nella versione base il banco di lavoro, che non fa parte della fornitura Breton ma viene realizzato direttamente dal cliente in cemento, ha un ingombro in lunghezza di 12 mt, di cui 9,5 mt utili di lavoro. A richiesta vengono forniti moduli aggiuntivi di binario qualora il cliente desideri effettuare un banco di lavoro più lungo.

Una trave portamandrino trasla a sua volta con moto alternativo con motorizzazione comandata da inverter sui due ponti laterali della struttura, dove sono alloggiate le guide per lo scorrimento. I mandrini installati sulla trave sono alloggiati entro robuste casse in fusione di ghisa, e sono comandati ognuno da una coppia di cilindri pneumatici per assicurare una regolare discesa/salita. La pressione di lavoro dei mandrini è pneumatica e regolabile individualmente per ciascun mandrino. Ogni mandrino, a seconda del materiale da lucidare, può essere equipaggiato con le speciali teste Breton a sei settori oscillanti per levigare il granito, oppure con i piatti porta-abrasivo per la lucidatura del marmo.

Sono anche disponibili degli speciali piatti porta-abrasivo per la lucidatura del marmo da agganciare sotto le teste Breton a sei settori oscillanti. La larghezza e lunghezza delle lastre posizionate sul banco di lavoro e la distanza fra loro viene imputata dall’operatore sul display di comando, garantendo così l’autoadeguamento della corsa della trave portamandrino alla larghezza delle lastre lavorate e la discesa/salita automatica delle teste.

Le speciali teste Breton a settori oscillanti

breton-klg-sm-fixed-bench
La testa Breton a sei settori oscillanti è il risultato dell’esperienza unica della Breton. Una approfondita e completa sperimentazione sul campo è stata tradotta in modelli matematici, che mettono in correlazione tutti i parametri di lavorazione (velocità di rotazione della testa, frequenza di oscillazione, angolo di oscillazione e lunghezza dei piedini, pressioni di lavoro).

Si sono così definite le correlazioni ottimali fra tutti i parametri in modo da massimizzare la capacità di asportazione della testa a la qualità della lucidatura. I cinematismi interni (brevettati) assicurano un’oscillazione dei piedini sempre guidata, con limitatissimi giochi meccanici. Per questo motivo con la testa Breton gli utensili lavorano nel modo più appropriato e possono esprimere il massimo rendimento.

I gruppi leviganti-lucidanti

breton-klg-sm-fixed-bench
I gruppi leviganti-lucidanti in fusione di ghisa sono frutto di uno speciale disegno che ha consentito di contenere il peso e di aumentare la rigidità. Il sistema di sollevamento/abbassamento del mandrino è equilibrato poiché realizzato con una coppia di pistoni con steli interni protetti.

Ogni mandrino, a seconda del materiale da lucidare, può essere equipaggiato con le speciali teste Breton a sei settori oscillanti per levigare il granito, oppure con i piatti porta-abrasivo per la lucidatura del marmo. Sono anche disponibili degli speciali piatti porta-abrasivo per la lucidatura del marmo da agganciare sotto le teste Breton a sei settori oscillanti.

Contatti

Contattateci!
Per essere ricontattati da noi, basta compilare il seguente modulo.
Attendere, prego...
Download documenti con accesso di primo livello
Nome File
Descrizione
Dimensione
Livello
Download
KLG 2010.pdf
Ita - Eng
979 KB
1
KLG-2010.jpg
206 KB
1